lunedì 7 aprile 2014

My Parents country, la campagna dei miei genitori


Questo, irregolare,
a volte disordinato, 
ma di un verde splendido, 
il giardino dei miei  genitori
e di mia nonna.
 Di Nonna c'è rimasta la sua 
anima che cura amorevolmente
le piante....e loro crescono
sempre rigogliose.
Io sono cresciuta in questo
posto, e devo dire la verità, 
soffro ad avere intorno solo cemento.
Questo è l'unico verde che ho intorno a casa....
perché qualsiasi cosa pianti
qui tutto secca, anche queste piantine hanno
i giorni contati, purtroppo.
Lo scorso anno mi sono messa d'impegno
ed ho zappato l'aiuola, asportato un bello strato di terra,
riportato del terriccio fresco e piantato
le vinche.
Dopo 15 giorni già erano sofferenti,
e poi sono progressivamente morte.
E' come se il terreno fosse avvelenato,
e si che io sarei come Nonna,
sono brava con le piante,
quelle che ho in casa stanno bene.
...forse la campagna mi chiama!!!!!
*****
Un caro saluto a chi passa di qui.

16 commenti:

  1. Che bello il giardino dei genitori e della nonna! Mi ricorda quello che noi abbiamo in campagna.
    Capisco bene il problema delle piante che in città muoiono. L'anno scorso avevo dei gerani sul balcone. Erano sofferenti e con poche foglie e pochissimi fiori. A luglio li ho portati in campagna e li ho messi sul balcone. Bene, nel giro di una settimana sono come rinati: hanno cominciato a mettere foglie e a fiorire. Una meraviglia! Evidentemente in città l'aria avvelenata uccide anche le piante...
    Un abbraccio

    )0( Shani )0(

    RispondiElimina
  2. Splendida... potessi vivere in un posto così! Invece devo accontentarmi del mio terrazzino (coperto di piante, però, perché io non mi arrendo!).
    Ti auguro una bellissima giornata, Federica

    RispondiElimina
  3. Bellissima la campagna... Se potessi...

    Maira

    RispondiElimina
  4. Il giardino dei tuoi e di nonna è un posto semplicemente che trasmette serenità, un angolo di pace!
    Le tue piccole margherite azzurre dentro il vaso sono dolcissime, peccato che non hanno il clima giusto per vivere più a lungo!
    Ogni posto o luogo ha il suo fiore che dura nel tempo!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  5. un giardino dei sogni....la campagna è il luogo ideale per vivere, fortunato chi può goderne...

    RispondiElimina
  6. Anch'io sono come te, soffro ad avere intorno solo cemento! Ed è vero che sul terrazzo cittadino le piante vivono pochissimo. Non riesco quasi mai a farle diventare belle rigogliose, dopo qualche mese, o addirittura dopo un paio di settimane, si ammalano. Che peccato...
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  7. ma cara, siete circondati da un paesaggio e da un verde stupendo, non sai come piacerebbe a me averne un pezzettino a disposizione per far correre il mio whisky e poi lì è tutto bello pullito, qui bisogna stare attenti a tutto , anche nei giardini perchè c'è troppa gente incivile.
    la tua piantina mi piace, nemmeno io ho il pollice verde, prima avevo parecchie piantine sul balcone ma poi ho tolto tutto per fare spazio ai pelosi
    un bacione a te e al caro Otto

    RispondiElimina
  8. sarà disordinato (a me non pare) ma che bello avere intorno tanto verde!!!
    baci
    Silva

    RispondiElimina
  9. Quanto bel verde!!! Molto naturale senza alcun progetto....io adoro i giardini così !!! Chissà Ottino che corse nel giardino.... ;))
    Un bacio grande
    Francesca

    RispondiElimina
  10. ti capisco, io non sono brava col verde ma lo amo e ormai manca piu' solo qualche anno per la pensione di mio marito e ci stiamo guardando intorno, nelle nostre vallate, in un borgo, per acquistarci una casetta e lasciare la citta'. non vedo l'ora

    RispondiElimina
  11. io non vedo cemento....ma un bel posto
    lu

    RispondiElimina
  12. che posto spettacolare ed Otto dove è?

    RispondiElimina
  13. Io proprio con le piante non ci so fare…eppure mi piacciono molto! E non posso dar colpa all'ambiente perché i miei vicini hanno dei bei giardini!
    Proprio il mio pollice non è verde…pazienza!

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia questo giardino, Silvia!!! Io ti capisco benissimo: anche io tollero a stento la città e, se potessi, scapperei immediatamente! immagino la gioia di Otto appena si trova lì.............

    RispondiElimina